I nostri forum: www.meetup.com/pratoinmovimento/ INCENERITORI: UN DANNO ECONOMICO ED AMBIENTALE SCEC: UN MODO PER AIUTARE L'ECONOMIA DI AZIENDE E FAMIGLIE

COMUNICATO CONGIUNTO PER LA CHIUSURA DELL' INCENERITORE DI MONTALE E LA REALIZZAZIONE DI ALTERNATIVE

Riceviamo e volentieri RI-pubblichiamo

Subiamo le ricadute da oltre 30 anni!
Comunicato stampa congiunto del 31/05/2013

Comunicato Stampa congiunto dei Gruppi Montemurlo, Agliana, Montale, Quarrata - 31/05/2013
Chiudere l’inceneritore di Montale e convertirlo in un impianto a freddo con un piano industriale ad hoc è un dovere verso i cittadini che da oltre 30 anni subiscono le ricadute dell’impianto.

In questi giorni si susseguono sui giornali dichiarazioni che manifestano uno scontro senza eguali sia tra le istituzioni che tra le aziende che andranno a costituire la nuova società unica per la gestione dei rifiuti dell’intero ATO centro, per assicurarsi il controllo dell’impianto di incenerimento di Montale, dimenticando i cittadini e gli impatti che questo ha su tutti noi.

Tutto questo mentre scoppia lo scandalo delle ceneri seppellite sotto l’inceneritore e quando non sono stati ancora resi pubblici i dati sullo studio epidemiologico effettuato sui cittadini che da oltre 30 anni subiscono le ricadute dei fumi dell’inceneritore.

Così anziché vedere le istituzioni lottare per pianificare la chiusura, la bonifica del territorio e la conversione dell’impianto, come più volte annunciato nelle passate campagne elettorali dai vari schieramenti politici locali che amministrano i comuni proprietari dell’impianto, le ritroviamo a lottare per garantire che l’impianto continui a incenerire i rifiuti.

Noi pensiamo che i cittadini, che da oltre 30 anni subiscono le ricadute dell’inceneritore, meritino di più e che debbano essere loro a scegliere sul futuro dell’impianto.

A questi cittadini spetta doverosamente una soluzione alternativa che ponga fine definitivamente a questa disastrata gestione dei rifiuti e che punti sulla chiusura dell’impianto anziché su nuovi ampliamenti, che magari saranno accelerati proprio da un eventuale passaggio di mano della proprietà, dai tre comuni alla società unica dell’ATO centro, quindi di tutta la Piana FI-PO-PT.

Chiediamo ai Sindaci di Agliana, Montale e Quarrata, anziché cedere la proprietà dell'impianto nella società unica perdendo di fatto il controllo anche su future decisioni di ulteriori ampliamenti, di lottare per una politica dei rifiuti virtuosa, senza inceneritore, che partendo dalla raccolta differenziata porta a porta arrivi a creare una filiera virtuosa del recupero e del riciclo con notevoli benefici sull’ambiente e su tutto l’indotto, con la conseguente creazione di nuovi posti di lavoro e un vantaggio economico attraverso la tariffa puntuale per imprese e cittadini che vedranno solo così finalmente diminuire i costi sul principio di chi più ricicla meno paga

Lista civica Decidi Anche Tu per Agliana e Montale
MoVimento 5 Stelle Montemurlo
MoVimento 5 Stelle Quarrata
Comitato Contro l’inceneritore di Montale
_______________________________________________________________

Nessun commento:

LA MADRE DI TUTTE LE BUONE PRATICHE

NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL' ACQUA E DEI BENI COMUNI

La guerra dell' acqua - www.acquabenecomune.org
Saranno fornite le date dei banchetti raccolta firme per IL REFERENDUM: "l'Acqua bene comune e non merce".
SI E' CONCLUSA CON GRANDE RISCONTRO E SUCCESSO DI PUBBLICO LA RACCOLTA FIRME A SOSTEGNO DEL REFERENDUM NAZIONALE PER LA RIPUBBLICIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO: andiamo avanti con la programmazione delle attività di promozione ed informazione fino allo svolgimento effettivo del REFERENDUM
FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA-COMITATI CITTADINI PER L'ACQUA PUBBLICA, AREA PRATESE: CAMPAGNA NAZIONALE "SALVA L'ACQUA", RACCOLTA FIRME NAZIONALE X RICONOSCERE L'ACQUA COME BENE COMUNE ED IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO QUALE SERVIZIO PUBBLICO LOCALE PRIVO DI RILEVANZA ECONOMICA

Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua

Sottoscrivi la moratoria ON-LINE del FIMA !!


NON SONO QUESTIONI DI DESTRA O SINISTRA

Noi ci siamo sempre distinti per non fare delle nostre lotte e battaglie una questione puramente ideologica, non abbiamo mai avuto remore a criticare, quando lo ritenevamo giusto, sia a destra che a sinistra con lo stesso fervore e la stessa passione ma prescindiamo un attimo dalle posizioni pro o contro questi governi ed i loro presidenti, dalle apparenenze e simpatie verso partiti e politici e CHIEDETEVI: perché siamo costretti con sempre più frequenza ed insistenza a chiedere che la gente firmi petizioni ed appelli....

Non sono questioni di parte. Non sono questioni ideologiche: SONO QUESTIONI DI DEMOCRAZIA, DIRITTO E DI GIUSTIZIA


------------



--------------------------