I nostri forum: www.meetup.com/pratoinmovimento/ INCENERITORI: UN DANNO ECONOMICO ED AMBIENTALE SCEC: UN MODO PER AIUTARE L'ECONOMIA DI AZIENDE E FAMIGLIE

Giovedi 17 Dicembre 2009, 08:00 - 17:00 ASSEMBLEA X LA CHIUSURA DELL' INCENERITORE DI MONTALE

Comitato Per La ChiusuraDell'Inceneritore Di Montale Cittadini Uniti Montemurlesi Coordinamento Dei ComitatiDella PianaFirenze – Prato – Pistoia
organizzano per GIOVEDI’ 17 DICEMBRE ORE 21.30 una iniziativa pubblica con proiezione e dibattito Presso il Polispazio Hellana di Agliana

SIETE TUTTI INVITATIALLA PROIEZIONE DEL FILM

UNA MONTAGNA DI BALLE

realizzato da INSUtv e M.I.NA (media Indipendenti Napoletani)

film sull'emergenza rifiuti in Campania e non solo..... !
'emergenza rifiuti in Campania e non solo..... !

SARA' PRESENTE E PARTECIPERA' AL DIBATTITO:

Sabina Lattaga della Rete Campana Salute Ambientedella Rete Campana Salute Ambiente

Anche a MONTALE c'è una EMERGENZA... il
MONTALE c'è una EMERGENZA... il

CANCROVALORIZZATORE
SU DI LUI SI RACCONTANO UNA MONTAGNA DI BALLE...... UNA

COSA E' CERTA AVVELENA ANCHE TE !
' CERTA AVVELENA ANCHE TE!
__________________________________________________________

VENERDI’ 11 DICEMBRE ORE 21.15 ALLA VILLA SMILEA DI MONTALE

La lista Civica Decidi Anche Tu, Amici di Beppe Grillo Di Pistoia, Comitato contro l’inceneritore di Montale e Cittadini Uniti Montemurlesi organizzano una assemblea pubblica  per parlare della vertenza CIP6, inceneritore di Montale e della legge che prevede la privatizzazione di tutti i servizi pubblici a partire dall’acqua
____________________________________________________________________________________

PISTOIA AUDITORIUM BIBLIOTECA SAN GIORGIO - CONFERENZA SUL NUCLEARE

CONVEGNO NAZIONALE SUL NUCLEARE CON RELATORI DA TUTTA ITALIA PATROCINATO DALLA MARCIA MONDIALE PER LA PACE E DAL COMUNE DI MONTECATINI E PISTOIA. LA DATA E' IL 9 DICEMBRE ALLE 15:30 A PISTOIA BIBLIOTECA AUDITORIUM SAN GIORGIO - LA CONFERENZA STAMPA E' IL 7 A PALAZZO COMUNALE SALA S.AGATA - E' UN INIZIATIVA INTERNAZIONALE DELLA MARCIA MONDIALE PER LA PACE E NON VIOLENZA
 
___________________________________________________________

Nuove date banchetti raccolta firme per la petizione "l'Acqua bene comune e non merce"

(AGGIORNAMENTI SETTIMANALI) 


FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA
COMITATI CITTADINI PER L'ACQUA PUBBLICA - AREA PRATESE
 
CAMPAGNA NAZIONALE "SALVA L'ACQUA" RACCOLTA FIRME PETIZIONE POPOLARE PER CHIEDERE AL COMUNE DI PRATO DI RICONOSCERE L’ACQUA COME BENE COMUNE ED IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO QUALE SERVIZIO PUBBLICO LOCALE PRIVO DI RILEVANZA ECONOMICA
  
PROSSIMI PUNTI RACCOLTA FIRME A PRATO:

1 ) MERCOLEDI 9 DICEMBRE ORE 10,00 - 16,00 ~ PIAZZA SAN FRANCESCO, FRONTE CHIESA 
2 ) GIOVEDI 10 DICEMBRE ORE 09,00 - 13,00 ~ SAN GIORGIO A COLONICA AREA MERCATO
3 ) SABATO 12 DICEMBRE ORE 15,30 - 19,30 ~ PIAZZA SANTA MARIAIN CASTELLO
4 ) MERCOLEDI 16 DICEMBRE ORE 10,00-13,00 E ORE 15,30 - 18,30 ~ PIAZZA BUONAMICI
5 ) GIOVEDI 17 DICEMBRE ORE 09,00 - 13,00 ~ SAN GIORGIO A COLONICA AREA MERCATO
6 ) VENERDI 18 DICEMBRE ORE 15,30 - 19,30 ~ PIAZZA SANTA MARIA DELLE CARCERI
7) SABATO 19 DICEMBRE PRESSO FIERUCOLA PIAZZA DELLE BIGONGE 

__________________________________________________________

ANCORA EMERGENZA ALL'INCENERITORE DI MONTALE

COMUNICATO STAMPA
A fronte di ripetuti episodi di mala gestione dell’inceneritore di Montale e del superamento del livello di attenzione per le diossine, la Provincia continua a negare l’accaduto (comunicato stampa del 25 novembre), nonostante essa stessa abbia emesso ben due Ordinanze di Diffida (la n° 1776 del 25/08/09 e la 2275 del 29/10/2009) nei confronti del gestore dell’impianto.
Gli atti di diffida non sono stati pubblicati sul sito, ma i comitati hanno potuto leggerli grazie al Comune di Montale che, più responsabilmente e con maggiore trasparenza, li ha messi a loro disposizione.
E che dire dell’ARPAT, e delle palesi contraddizioni in cui si muove ?
Nel sito della Provincia di Pistoia si può ancora leggere l'incredibile assoluzione dell'inceneritore fatta da ARPAT quando, riferendosi alla sua indagine ambientale affermava che i risultati (di pesante contaminazione da diossine, “non appaiono assolutamente correlabili con la possibile deposizione di emissioni provenienti dall'impianto di incenerimento”.
Quella era la verità per il popolo, oggi al Sindaco di Montale che chiede chiarimenti per la situazione ambientale (lettera del 9 novembre), ARPAT risponde: “non abbiamo mai smentito una diretta riferibilità dell'inquinamento presente in zona all'inceneritore di Montale”.

Affermazioni preoccupanti, incredibili. contraddittorie.

L'ARPAT dimostra ancora una volta il grado della sua affidabilità,  nella mancata segnalazione del superamento del limite d'attenzione per la diossina, proprio quel “limite d'attenzione” che avrebbe dovuto conoscere bene, visto che l’aveva proposto lei stessa, in alternativa ai limiti più restrittivi richiesti dall'ASL 3 in fase di rilascio dell’Autorizzazione Integrata Ambientale (A.I.A.) per l’inceneritore di Montale. Proprio in quella occasione dove, senza alcuna esitazione, ARPAT aveva dato il parere favorevole all'ampliamento dell'inceneritore a 150 T/giorno..

E che dire dei mancati controlli dei rifiuti pericolosi in ingresso all'inceneritore, controlli che pure sono previsti dalla Legge e dalle direttive della regione Toscana ?
Sicuramente su questo ARPAT ha poco da dire visto che secondo loro, all’inceneritore di Montale arrivano solo i rifiuti solidi urbani (R.S.U.) prodotti nei Comuni di Montale, Agliana e Quarrata e in minima parte rifiuti ospedalieri trattati e che le prove le fa solo quando l'inceneritore brucia rifiuti urbani e non come prescrive la legge nelle più gravose condizioni di funzionamento.
Sappiamo invece, e lo sa anche il gestore, che all’inceneritore di Montale si possono bruciare anche rifiuti industriali potenzialmente pericolosi provenienti da tutta Italia e anche ROT (Rifiuti Ospedalieri Trattati) e farmaci scaduti e sostanze stupefacenti anche questi provenienti da tutta Italia.
Sarà mica questa la spiegazione del fatto che nei controlli fatti da ARPAT il PCB – quello che aggrava la già pesante contaminazione del territorio e che tutti si chiedono da dove arrivi – è assai più basso di quanto risulta negli autocontrolli fatti dal gestore ?
Sarà mica perché quando controlla ARPAT l’inceneritore va al minimo?
Che cosa aspetta il Consiglio regionale a investigare sull'operato dell'ARPAT di PT? Ha qualcosa da dire la giunta ed il consiglio provinciale di Pistoia?
E' possibile il rispetto della legge a Pistoia?
Chiediamo che in una situazione di questa gravità, in via cautelativa l’inceneritore venga immediatamente chiuso e che finalmente intervenga la Procura Generale della Repubblica, i Carabinieri del NOE e, stante la situazione disastrosa dei bilanci del CIS che vessa i cittadini e imprese con tariffe esose e minaccia di non pagare i lavoratori, anche la Guardia di Finanza.

COORDINAMENTO DEI COMITATI DELLA PIANA FIRENZE – PRATO - PISTOIA
COMITATO PER LA CHIUSURA DELL’INCENERITORE DI MONTALE
_______________________________________________________________

DOMANI GIOVEDI' 03/11/09 INCONTRO PUBBLICO SUL TEMA DELL' ACQUA

Dalla mailing-list di ACQUABENECOMUNEPRATO riceviamo e volentieri pubblichiamo:

Carissimi, siete invitati a partecipare!


COMITATI CITTADINI PER L’ACQUA PUBBLICA – AREA PRATESE

Vi invitano a partecipare ll’incontro pubblico:

L'ACQUA NON SI VENDE!

Giovedi 3 dicembre 2009, ore 21,00Sala riunioni della Parrocchia di San Bartolomeo,Piazza Mercatale Prato
(entrata dalla chiesa)

Incontro pubblico sul tema dell’approvazione del DL n. 135/2009 che privatizza i servizi pubblici locali, compresa la gestione dell'acqua, e sulla proposta di ripubblicizzazione della gestione degli acquedotti del Forum Italiano dei Movimenti per l'Acqua.

INTERVENGONO

Luciano D'antonio - Responsabile Forum Toscano dei Movimenti per l'Acqua
Andrea Bagattini - Ex consigliere comunale PD a Quarrata

Siete invitati a partecipare

info:
www.acquabenecomune.org
www.acquabenecomunetoscana.it__________________________________________________________

12° VERTICE ANTIMAFIA - A CAMPI - VILLA MONTALVO

Sabato 21 novembre ore16 alla Limonaia della Villa Montalvo a Campi Bisenzio (FI) si terrà il 12° convegno (come ogni anno piu' o meno nello stesso periodo) sulla ANTIMAFIA, dal tema: "Le nuove frontiere della lotta alla mafia" ; Inizia alle 16:00 circa e ingenere si protrae molto a lungo,fino alle 20:00 e a volte oltre,perche' le testimonianze sono tante e alla fine viene lasciato spazioagli interventi del pubblico, di solito molto numeroso.

INCONTRO PUBBLICO SUL VIRUS H1N1

VENERDI’ 20 NOVEMBRE ORE 21.30 PARCO VERDE - OLMI, QUARRATA
GLI AMICI DI BEPPE GRILLO DI PISTOIA E MONTECATINI ORGANIZZANO:
INCONTRO PUBBLICO SUL VIRUS H1N1
Per capire di più sull’influenza A e rispondere ai dubbi che finora nessuno ha chiarito
INTERVERRANNO:
Dott. Eugenio Serravalle medico pediatra
Dott. Michelangelo Bolognini medico igienista
Giorgio Tremante responsabile del Ministero della Salute per danneggiati da vaccino
Anna Massone presidente dell’associazione coordinamente nazionale “Vogliovivere”
Federica Agrimonti avvocato
i.jpg

SI' VIAGGIARE, NO INQUINARE

 VE 20 NOV. nella Sala Conferenze Museo Pecci Viale della Repubblica, 277-Prato

INCONTRO ASSOCIAZIONE NAZIONALE X LA TUTELA DELLE ENERGIE RINNOVABILI
Idee per muoversi con il "pieno" di elettricità (in primis con energie rinnovabili)

Auditorium del Museo Arte Moderna e Contemporanea Luigi Pecci
Venerdì 20 novembre alle ore 15,00
Viale della Repubblica - Prato (uscita autostrada Prato Est)
Introduzione
Avv. Leonardo Masi - Vicepresidente Anter
On. Andrea Lulli
Primo firmatario della Proposta di Legge per la ?Mobilità emissione zero?
Tavola Rotonda
Arch. Andrea Cavicchi
Innovazione tecnologica per il Distretto di Prato
Dott. Goffredo F. Borchi
Vice Sindaco di Prato con delega all?Ambiente
Stefano Arrighini
Assessore provinciale di Prato all?Ambiente
Dott. Bruno D?Andrea
Direttore bimestrale Ambiente
Prof. Alberto Marino
Professore Straordinario di Marketing, Facoltà di Economia, Università degli Studi di Bergamo;
Dott.ssa Angela Sansonetti
Ricercatrice presso Università LUISS Guido CARLI, Roma - Membro comitato Europa Confindustria
Prof. Alberto Reatti,
Professore Associato di Elettrotecnica - Facoltà di Ingegneria - Università degli Studi di Firenze
Prof. Ing. Fabio Orecchini
Centro interuniversitario di ricerca per lo sviluppo sostenibile - Università Sapienza di Roma
Dott. Pier Paolo Ranieri
Imprenditore energie rinnovabili
Dott. Massimo Casullo
Direttore generale NWG Italia S.p.A.
Paolo Abati
Presidente Gruppo Consiag S.p.A.
Parteciperanno al Dibattito alcune case automobilistiche elettriche invitate
Chiusura lavori ore 18,30
Antonio Rancati - Coordinatore Nazionale Anter

AIUTIAMO UN CITTADINO ONESTO CHE DENUNCIA LA MAFIA !

PINO MASCIARI - TESTIMONE DI GIUSTIZIA 

Ven 13 nOV. ORE 21.00 alla Chiesa San Bartolomeo
Piazza Mercatale, 149

avremo ospite Pino Masciari, inutile dire che più gente viene è meglio per tutti ma soprattutto per Pino che come già saprete (e se ancora non lo sapete andate a leggervi la sua storia!!!) non ha vita facile per colpa della Mafia e di uno Stato che in sostanza se ne frega di lui e di quel che ha fatto x il nostro paese!

EVENTI A PRATO E DINTORNI

PRATO  SOSTENIBILE
&;dintorni n°2/09 - eventi consigliati da: --->GrilliDiPrato<

LETTERA DELLA COMUNITA' "LE PIAGGE" IN SOSTEGNO A DON SANTORO

Don Santoro, il parroco delle Piagge - FI, un prete scomodo a tutti?
Firenze, 27 ottobre 2009 - Simulazione di sacramento». Tre parole pesantissime che sono bastate all’arcivescovo di Firenze monsignor Giuseppe Betori per «sollevare don Santoro dalla cura pastorale della comunità delle Piagge», chiedendogli allo stesso tempo «di vivere un periodo di riflessione e di preghiera». Il ‘caso’ risale a domenica mattina: don Alessandro Santoro, durante la messa celebrata alla presenza della comunità, ha celebrato le nozze di Sandra Alvino 64 anni, nata uomo e ora donna, e Fortunato Talotta, 58 anni.

L'emergenza Piagge [modifica] da Wiki - Le Piagge

Il nuovo quartiere balzò presto agli onori delle cronache cittadine per alcuni fenomeni di criminalità e di emergenza sociale; era presente un forte spaccio di sostanze stupefacenti, non erano rari casi di cronaca nera ed era presente una forte conflittualità, soprattutto a livello giovanile, tra i nuovi quartieri e quelli a nord di via Pistoiese ("Brozzi Vecchio"). Alcuni cittadini, stanchi della situazione di abbandono e di trascuratezza da parte dell'amministrazione fiorentina, arrivarono a proporre di trasferire la zona delle Piagge al comune di Campi Bisenzio.

Il comune si decise ad affrontare la cosiddetta "emergenza Piagge" solo negli anni Novanta, anche per la spinta della popolazione residente, soprattutto giovane, che aveva trovato una guida un po' inconsueta ma valida in un giovane parroco di strada, Don Alessandro Santoro, fondatore della Comunità Le Piagge di Firenze, studioso ed esperto di Don Milani.

Da allora, anche se i problemi derivati da una cattiva gestazione del quartiere non sono stati tutti eliminati, la qualità delle Piagge è notevolmente migliorata con il ridimensionamento della criminalità, la costruzione di diversi servizi sociali ed assistenziali, la nascita di un grande centro commerciale, la realizzazione di una stazione ferroviaria e le attività socio-culturali svolte dalla comunità di base di Don Santoro. In particolare ricordiamo i i progetti della Comunità delle Piagge come il Fondo etico e sociale, un progetto di microcredito di prossimità, e il periodico l'Altracittà - giornale della periferia. Buon'ultima, come iniziativa rivolta al sociale, l'isituzione da parte del ViperClub di una serie di laboratori informatici rivolti agli abitanti del quartiere fra cui un Laboratorio di Narrativa Territoriale Multimediale.
_______________________________________________________________________________
Cari/e tutti/e,.
vi preghiamo di far girare questo messaggio ovunque sia possibile. Ecco cosa fare per sostenerci:

*Firmare *la petizione alla pagina http://www.altracitta...
dove è possibile anche lasciare un messaggio personale.
*
Inviare messaggi di indignazione al Vescovo di Firenze Giuseppe Betori*.
La sua mail è
segrete...@diocesifirenze.it
t>, l’indirizzo postale è invece
Piazza San Giovanni, 3 – 50129 Firenze.

*Aderire al digiuno a staffetta* sotto la Curia fiorentina in Piazza San
Giovanni. E’ possibile lasciare la propria disponibilità alla pagina

http://www.altracitta... e contattare per info
digiunoperlepiagge@gmail.com

*Partecipare e dare forza alle nostre attività* (vedi mappa sotto),
venerdo a trovarci al Pozzo in via Lombardia 1p (mappa), telefonando
allo 055/373*** o inviando una mail a ilmuretto@libero.it *

Sostenere economicamente le realtà attive all’interno della Comunità*.
Le donazioni sono detraibili fiscalmente


* Il *Muretto*, associazione di volontariato:
Iban IT 31 G 0760 02800 000026306506

* l’*Altracittà*, giornale della periferia e Agenzia di Base: Iban
IT 31 G 07601 02800 000026306506 causale “Altracittà”

* Il *Pozzo*, cooperativa sociale educativa:
Iban IT 28 E 0616021402 000007305C00

* Il *Cerro*, cooperativa sociale di inserimento lavorativo: Iban IT
14 S 07601 02800 000033303413

* *Fondo etico*, microcredito: conto corrente postale 2460.3771

*Acquistare i libri della neonata casa editrice Edizioni Piagge*:
http://www.edizionipi... <http://www.edizionipi...

*Acquistare i prodotti del commercio equo e solidale* alla bottega
Equazione di via Lombardia
 

E tutto quello che può venirvi in mente… :-)

Un sentito ringraziamento
La Comunità delle Piagge

NON REGALIAMO ALLE MAFIE I BENI CONFISCATI

Firma l'appello: NON REGALIAMO ALLE MAFIE I BENI CONFISCATI Tredici anni fa, oltre un milione di cittadini firmarono la petizione che chiedeva al Parlamento di approvare la legge per l'uso sociale dei beni confiscati alle mafie. Un appello raccolto da tutte le forze politiche, che votarono all'unanimità le legge 109/96. Si coronava, così, il sogno di chi, a cominciare da Pio La Torre, aveva pagato con la propria vita l'impegno per sottrarre ai clan le ricchezze accumulate illegalmente.

http://www.libera.it/

I beni confiscati sono cosa nostra e ci mettiamo la faccia: i beni confiscati sono un bene comune, il loro riutilizzo una ricchezza per il territorio e per la società italiana. Continua la protesta contro il ddl che prevede la vendita dei beni confiscati alla criminalità organizzata...e questa volta ci mettiamo la faccia!

Ma è giusto anche riportare delel voci critiche non tanto sul principio ma sulle MODALITA' di assegnazione dei beni confiscati:
==> www.casadellalegalita.org

I nostri forum
www.meetup.com/grillidiprato



IN FASE DI ALLESTIMENTO

LA MADRE DI TUTTE LE BUONE PRATICHE

NO ALLA PRIVATIZZAZIONE DELL' ACQUA E DEI BENI COMUNI

La guerra dell' acqua - www.acquabenecomune.org
Saranno fornite le date dei banchetti raccolta firme per IL REFERENDUM: "l'Acqua bene comune e non merce".
SI E' CONCLUSA CON GRANDE RISCONTRO E SUCCESSO DI PUBBLICO LA RACCOLTA FIRME A SOSTEGNO DEL REFERENDUM NAZIONALE PER LA RIPUBBLICIZZAZIONE DEL SERVIZIO IDRICO: andiamo avanti con la programmazione delle attività di promozione ed informazione fino allo svolgimento effettivo del REFERENDUM
FORUM ITALIANO DEI MOVIMENTI PER L'ACQUA-COMITATI CITTADINI PER L'ACQUA PUBBLICA, AREA PRATESE: CAMPAGNA NAZIONALE "SALVA L'ACQUA", RACCOLTA FIRME NAZIONALE X RICONOSCERE L'ACQUA COME BENE COMUNE ED IL SERVIZIO IDRICO INTEGRATO QUALE SERVIZIO PUBBLICO LOCALE PRIVO DI RILEVANZA ECONOMICA

Forum Italiano dei Movimenti per l'acqua

Sottoscrivi la moratoria ON-LINE del FIMA !!


NON SONO QUESTIONI DI DESTRA O SINISTRA

Noi ci siamo sempre distinti per non fare delle nostre lotte e battaglie una questione puramente ideologica, non abbiamo mai avuto remore a criticare, quando lo ritenevamo giusto, sia a destra che a sinistra con lo stesso fervore e la stessa passione ma prescindiamo un attimo dalle posizioni pro o contro questi governi ed i loro presidenti, dalle apparenenze e simpatie verso partiti e politici e CHIEDETEVI: perché siamo costretti con sempre più frequenza ed insistenza a chiedere che la gente firmi petizioni ed appelli....

Non sono questioni di parte. Non sono questioni ideologiche: SONO QUESTIONI DI DEMOCRAZIA, DIRITTO E DI GIUSTIZIA


------------



--------------------------